CINA HOMEPAGE>CINA TOUR>GANSU

gansu1.jpg (4335 byte)

gansu2.jpg (3295 byte)

gansumap.gif (4726 byte)

      hline1.gif (479 byte)

frecciablu.gif (887 byte) Hotels
frecciablu.gif (887 byte) Punti di interesse
Lanzhou
Dunhuang - Grotte di Mogao
Xiahe - Monastero di Labrang (Labuleng Si)
Binglingsi
Grotte Maiji

Si estende lungo un corridoio che collega la Cina centrale al Xinjiang. Questo corridoio è attraversato perpendicolarmente dal Huanghe (Fiume Giallo). Confina con la Repubblica Popolare Mongola, le province del Xinjiang, Qinghai, Sichuan, Shaanxi, Ningxia.

Ha una considerevole varietà di minoranze etniche. Numerosi sono i musulmani cinesi. Tutto il nord del Gansu é popolato da Mongoli.

Risorse
Petrolio, carbone, ferro, rame, zolfo, bauxite, fosforo.

Capoluogo

Lanzhou: centro industriale (macchinari per pozzi petroliferi, cuscinetti a sfera), petrolifero (raffineria}, chimico (fertilizzanti) e tessile. È Ia principale struttura industriale della zona nord-occidentale della Cina. A nord, vi è una grande miniera di rame. Sin dall'inizio degli anni '60, Lanzhou è divenuto il centro dell'industria atomica cinese con un impianto di arricchimento dell'uranio.

Qui confluì per secoli il via vai delle carovane tra Ia Mongolia, il Tibet e le regioni orientali ed occidentali della Cina. É attraversata dallo Huanghe.

Anche oggi è un importante nodo stradale e ferroviario verso la Mongolia (Baotou), il Xinjiang (Urumqi) e il Tibet. La città è dotata di numerosi istituti di ricerca scientifica: sezione dell'Accademia delle Scienze Cinesi, sezione dell'Istituto delle minoranze nazionali, di una Università, del Museo della provincia del Gansu. Sulla Collina solitaria restano testimonianze di edifici e di scultura dell'antica "Società dei Sigilli" che controllava i traffci delle carovane, mentre nel Parco della Montagna delle 5 sorgenti si conserva una statua di Buddha e una grossa campana, con diversi padiglioni.

Altri centri

Anxi: a circa 70 Km da questa località vi sono le Yulin (grotte buddhiste della Foresta degli olmi) che sono considerate tra le più famose della Cina. Sono 41 (3 d'epoca Tang, 8 del periodo delle Cinque Dinastie, 13 d'epoca Song, 1 d'epoca Xixia, 7 d'epoca Yuan e 9 d'epoca Qing). Esse attirano l'attenzione per le loro pitture murali che sono dei veri capolavori d'arte.

Jiuquan: a una quindicina di Km da questa città si trova il Monte Wenshu, un importante centro reIigioso a partire dalla dinastia Wei del nord con numerose grotte, piccoli templi taoisti e buddhisti.

Tra le principali grotte ricordiamo:

1. la Gufodong (Grotta del Vecchio Buddha);

2. la Qianfodong (Grotta dei Mille Buddha): la più antica di tutte quelle che si trovano sul monte Wenshu, con statue ed affreschi;

3. la Wanfodong (Grotta dei Diecimila Buddha).

Shuangjingzi: nella valle del fiume Ruoshui, è iI centro spaziale della Cina.

Tianshui: centro industriale e commerciale. Famose sono Ie sue pesche.

A circa 45 Km vi sono le Grotte del Monte Maijishan, 194 cavità naturali e artificiali con statue d'argilla e di pietra, bassorilievi buddhisti e più di mille metri quadrati di pitture murali.

Xiahe: vi è uno dei più grandi monasteri cinesi, il Labulengsi (Monastero di Labrang), centro religioso della setta gialla che durante la dinastia Ming assunse il controllo del lamaismo. Il numero dei monaci ivi residenti si aggirava sui 3000 ed essendo un monastero principale aveva alle sue dipendenze numerosi altri monasteri (108) . Fu fondato nel 1708. Il Monastero Labuleng, come tutti gli altri Iamaisti, si compone delle seguenti parti:

- zacang: in numero di 6, dove si studiano le diverse scienze, ci si riunisce, si leggono i lîbri canonici;

- lakang: dove si venera Buddha;

- nangqian: in numero di 18, adibiti a centri amministrativi e a camere da letto dei Buddha viventi;

- qiaodeng: è Ia pagoda di color bianco.

Yongjing: in questa Iocalità si trovano le Binglingsi il cui nome è una trascrizione dal tibetano e significa Grotte dei Centomila Buddha, definizione spesso data alle grotte buddhiste. Sono ricche di affreschi e di statue.

Yumen: fu il primo grande campo petrolifero della Cina. A circa 60 Km da questa località si trovano le Grotte Changma.

Zhangye: nei dintorni di questa Iocalità vi è iI Monastero Mati, con una serie di grotte buddhiste di Guanyin, di Jinta (Monastero della Pagoda d'oro), dei Mille Buddha. Lo sviluppo di tutte queste grotte è legato alla diffusione del buddhismo e costituisce una pagina importante nella storia dell'arte religiosa in Cina.

 


CENTRORIENTE - P. IVA 07908170017 - CF PSCMRA56R30H856T

Copyright Centroriente 1999-2014