CINA HOMEPAGE>CINA TOUR>HEBEI

hebei1.jpg (4462 byte)

hebei2.jpg (2501 byte)

hebeiMap.gif (4705 byte)

      hline1.gif (479 byte)

frecciablu.gif (887 byte) Hotels
frecciablu.gif (887 byte) Punti di interesse
Shijiazhuang
Chengde
Beidaihe
Baoding

Il nome, che significa "a nord del Fiume", naturalmente si tratta del fiume Giallo, risale al tempo dei Tang. E' bagnata dal Mare Bohai e confina con le province del Liaoning, Shanxi, Henan, Shandong e con la regione autonoma della Mongolia interna. Lo Hebei si divide morfologicamente in due parti: una parte montagnosa a nord e una vasta pianura alluvionale a sud, percorsa da vari fiumi e soggetta al pericolo di inondazioni.

Capoluogo

Shijiazhuang: è divenuta capoluogo nel 1969. Città completamente moderna. E' un importante nodo di comunicazione e centro di industrie tessili, metallurgiche, elettriche. Di pregevole valore artistico sono 2 leoni di bronzo del 1185 (dinastia Jin) che si trovano davanti all'ingresso principale del cimitero militare. Qui vi è pure la tomba del medico canadese dr. Norman Bethune

Altri centri

Beidaihe: rinomata stazione balneare sul mare Bohai. E' la località idele per le vacanze estive. Dotata di case di cura e d riposo. Da qui vennero lanciate, con un comunicato del Comitato Centrale, il 29 agosto 1958, le Comuni Popolari. Da vedere sono: il Parco Lianhuashi; la porta Nantian (Nantianmen), una costruzione naturale fatta da 2 colonne di pietra che si congiungono in alto. Dista da Beijing 6 ore di treno.

Baoding: città molto antica, già capoluogo della provincia. Centro culturale con vari musei. Di interesse turistico è lo "Stagno dei fiori di loto", giardino fatto costruire sotto la dinastia Tang e luogo di ritrovo di letterati e dignitari. Lo stagno è circondato da colline artificiali con padiglioni e terrazze.

Cangzhou: vi è un grande leone che costituisce una testimonianza rara ne suo genere. E' infatti una delle più antiche e alte statue di ferro conosciute in Cina. La città è il maggior centro amministrativo e commerciale della pianura costiera.

Chengde: si trova a 250 km a nord-est di Beijing. Era la residenza estiva della dinastia imperiale mancese Qing (1644-1911) e il suo secondo centro politico. La sua costruzione fu iniziatanel 1702 dall'imperatore Kangxi (1662-1723= e terminata nel 1792 dall'imperatore Qianlong (1736-1796). Qui gli imperatori Qing erano soliti trascorrervi 5 o 6 mesi e vi si recavano in visita ufficiale: principi, ministri, governatori delle varie nazionalità e ambasciatori stranieri per trattare affari di stato. Questa residenza è un tesoro architettonico e un simbolo della politica Qing di unificazione religiosa e politica tra le diverse nazionalità di confine. E' circondata da un muro di pietra lungo 10 km e conserva 72 magnifiche pietre miliari a ciascuna dlle quali è stato imposto un nome poetico dagli imperatori Kangxi e Qianlong..

Lo stile del Palazzo è quello del cortile quadrato, caratteristico della Cina del Nord e i vari giardini sono copie fedeli dei giardini dela Cina centrale.

Otto monasteri sono posti all'esterno del muro di pietra e sono stati costruiti tra il 1711 e il 1780. Il loro stile è una fusione di quello Han, Mongolo e Tibetano, mentre le raffigurazioni artistiche richiamano il Buddhismo, il Lamaismo e l'Islamismo. I principali sono:

- il Puning (Tempio della Pace Universale) che è conosciuto come il Monastero del Grande Buddha perché conserva una statua in legno del Buddha dai "mille occhi" e dalle "mille braccia", alto più di 22 m e del peso di 110 tonnellate;

- il Putuo o Piccolo Potala perché riproduce lo stile di quello che si trova a Lhasa. In questo monastero, l'imperatore Qianlong per ricordare gli 80 anni di sua madre e suoi 60 anni vi ha collocato 80 statue buddhiste, una per ogni anno di sua madre e altre 6 per celebrare i suoi 60 anni;

- lo Xumi o Monastero della felicità e della longevità, che riunisce lo stile architettonico Han con quello tibetano. E' la copia di un monastero tibetano di Xigaze.

Nel settore est del complesso residenziale si possono visitare il Puren (Tempio dell'Amore Universale), il Pushan (Tempio della Bontà Universale), il Puke (Tempio della Gioia Universale), un corpo del quale, a pianta circolare, il padiglione Xuguang, si ispira al Tempio del Cielo di Beiing.

Fengfeng: celebre per le "Grotte del Monte Xiangtang" che conservano sculture buddhiste scolpite nella roccia.

Handan: fu la capitale del principato di Zhao (periodo dei Regni Combattenti) e ne conserva le vestigia. A un chilometro dalla città sono state ritrovate più di cinquanta tombe della dinastia Han. A Handan vi è anche il Cimitero militare delle province dello Hebei, Henan, Shanxi e Shandong con l "Mausoleo degli Eroi del Poplo".

Mancheng: poco distante da Baoding. Nel 1968 fu scoperta la "Tomba del principe Liu Sheng" della dinstia Han e di sua moglie. Le spoglie mortali del principe furono seppellite ricoperte da una tunica preziosissima formata da tessere di giada di alcuni centimetri tenute assieme da fili d'argento e d'oro.

Quyang: vi è il Beiyuemiao (Tempio della Montagna Sacra del Nord) in cui, dalla dinastia Han fino all'inizio di quella dei Qing, gli imperatori onoravano questa montagna. La "Montagna Sacra del Nord" è una delle 5 montagne sacre della Cina; il suo nome è Hengshan e si trova nello Shanxi. E' alta 2052 m. Il Tempio è un edificio a 2 tetti che ricalca lo stile delle costruzioni mperiali di Beijing. Conserva all'interno affreschi raffiguranti un corteo di cortigiane e diavoli. Vicino al tempio cèè una pagoda ottagonale, a 5 piani.

Shanhaiguan: qui, la Grande Muraglia raggiunge il mare. La più bella porta, delle 4 che caratterizzavano la città, è la porta dell'est. Su di essa c'è scritto: tianxia di yi guan (la prima porta del mondo). All'esterno di questa porta c'è un piccolo tempio dedicato a Meng Jiangnu, popolare eroina cinese.

Tangshan: città industriale, a 100 km da Tianjin. Ricca di giacimenti di carbone, di petrolio e fabbriche di porcellana. Una centrale termoelettrica fornisce energia a Tianjin e Beijing. Nel 1976 è stata colpita da un terremoto che ha provocato moltissime vittime.

Yixian: a 3 km dalla città ci sono i resti dell'antica capitale dello stato di Yan che ha avuto un ruolo importante durante la dinastia dei Zhou e soprattutto all'epoca dei Regni Combattenti. Di rilievo, nei dintorni, sono le "Tombe Occidentali della Dinastia Qing". Un viale, affiancato da statue di animali, di funzionari civili e militari, conduce alle tombe che assieme ai templi costituiscono una testimonianza dell'architettura dei Qing.

Zhangjiakou: questa città è pure conociuta con il nome mongolo di Kalgan. Centro commerciale (lana, cotone) e carovaniero per la Mongolia, il Gansu e il Tibet. E' attraversata dalla Grande Muraglia.
A ovest, sui pendii della montagna, vi è lo Yunquansi (Convento della Sorgente delle Nuvole), costruito sotto i Ming nel 1393.

Zhaoxian: si trova a sud-est di Shijiazhuang. Sul fiume Xiaoshui vi è il "Ponte Zhaozhou": celebre per l'eleganza delle sue linee, tanto da farlo annoverare come una delle meraviglie del Hebei. Fu costruito sotto la dinastia Sui tra il 605 e il 617 con accorgimenti tecnici da renderlo adatto a ogni tipo di passaggio.

Da segnalare:

1. una colonna di pietra, alta 16 m, eretta nel 1038 sotto i Song. Si tratta di un chuang (particolare monumento buddhista con iscrizioni religiose). Questo è il più alto della Cina e riporta, sia sul piedistallo che sulla colonna, numerose incisioni di soggetti buddhisti.

2. il Bolinsi (Monastero dei Cipressi) e lo Shifosi (Monastero di Buddha di Pietra): quest'ultimo ha una forma esagonale ed è del 1275.

Zhengding: posta a nord di Shijiazhuang. Conserva molti temli e monasteri. I più grande e il più antico è il Longxing, del 971 (dinastia Song) con il Dabeige (Tempio della Grande Misericordia). Questo tempio è caratteristico per i suoi tetti gialli e per i porticati a colonne rosse. All'interno vi è la statua di bronzo della dea Guanyin considerata una delle meraviglie del Hebei che poggia su una pietra tutta scolpita. Altra costruzione del Monastero è la "Biblioteca", La città di Zhengding ha inoltre diverse pagode tra cui la Huata (Pagoda Fiorita), costruita sotto la dinastia Jin, di stile barocco, ottagonale.

Zunhua: a 125 km da Beijing, a nord-est di Yixian, presso Malanyu, si trova un Cimitero imperiale con 15 tombe. Vi sono sepolti 5 imperatori, 4 imperatrici e molte concubine e principesse della dinastia Qing. Al centro del cimitero si trova il "Mausoleo di Shunzi" (primo imperatore della dinastia Qing). Gli altri imperatori qui sepolti sono: Kangxi, Qianlong, Xiafeng, Tongzhi; le imperatrici sono: Xiao Zhuangwen, Xiao Huizhang, Ci'an e Cixi. Un viale lastricato, lungo 5 km e largo 12 m, chiamato "Viale degli Spiriti", unisce il mausoleo a un arco commemorativo. La Via Sacra del cimitero, come quella delle Tombe Ming a Beijing, è fiancheggiata da statue di pietra che rappresentano ministri, generali, cavalli, elefanti... Il "Mausoleo dell'Imperatore Qianlong" (lungo 54 m e che si estende su un'area di 327 mq) conserva numerose statue di pietra. Ha 4 porte: sulle pareti interne della prima porta sono scolpiti i 4 guardiani celesti che tengono in mano rispettivamente un liuto, una spada, un ombrello e una piccola pagoda.

  


CENTRORIENTE - P. IVA 07908170017 - CF PSCMRA56R30H856T

Copyright Centroriente 1999-2014