CINA HOMEPAGE HOMEPAGE>CINA TOUR>SICHUAN - INTRODUZIONE
Sichuan1.jpg (4808 byte)

sich2.jpg (3022 byte)

Schmap.gif (4728 byte)

     

  hline1.gif (479 byte)

 

frecciablu.gif (887 byte) Hotels
frecciablu.gif (887 byte) Punti di interesse
Chengdu

Ball2.GIF (334 byte) Casa del poeta Du Fu (Du Fu Caotang)

Ball2.GIF (334 byte) Parco della Vista sul Fiume   (Wangjianglou Gongyuan)

Ball2.GIF (334 byte) Wuhouci

Ball2.GIF (334 byte) Monastero della Luce Preziosa (Baoguangsi)

Monte Emei
Leshan
Jiuzhaigou
Huanglong

È la più popolata provincia della Cina. Confina con la regione autonoma del Tibet e con Ie province del Qinghai, Gansu, Shaanxi, Hubei, Hunan, Guizhou, Yunnan. Attraversata dal fiume Yangzi e dai suoi affluenti: Minjiang, Tuojiang, Jialing e Wujiang. Il nome Sichuan significa infatti "quattro fiumi".

La parte occidentale della provincia è montagnosa, con vette che raggiungono i 7590 m come il monte Gongga e abitata da tibetani dediti alla pastorizia e aII'allevamento.

La provincia del Sichuan conserva vestigia di interesse storico e archeologico.

Su una delle ultime propaggini delle montagne tibetane si erge il grande santuario buddhista del Monte Emei (3099 m) con 75 templi sparsi sulla montagna abitati un tempo da monaci e meta di uno dei pellegrinaggi più popolari della Cina.

Altre sculture sono disseminate in tutta la provincia insieme ai Que: due pilastri istoriati, distanti fra Ioro circa 20 m, protetti da tettoie e recanti iscrizioni; venivano innalzati davanti alI'entrata di palazzi o tombe. Uno dei più conosciuti è il "que" della Tomba Gao Yi, nella zona di Ya'an, deI 209 d.C.

Risorse
Riso (primato nazionale), grano (la provincia era considerata il granaio della Cina), canna da zucchero, tabacco, seta, tè, soia, carbone, petrolio, salgemma.

Capoluogo

Chengdu: città molto antica. E' chiamata anche Furong (ibisco) da quando un imperatore del X sec. ordinò di piantare ibischi in tutta la città. È posta in una pianura alluvionale che costituisce la parte più ricca, più coltivata e popolata di tutta la Cina.

Fu considerata una delle città cinesi più belle. La sua storia risale a più di 2300 anni fa. Cinta da mura merlate lunghe più di 20 Km. Conserva molto delle sue antiche strutture. È sede di università (aperta nel 1927) ed offre una notevole gamma di prodotti artigianali tipici della Cina (bambù, porcellane, sete) .

Altri centri

Dazu: situata a 150 Km ad ovest di Chongqing. È famosa per le sculture delle sue grotte. La statuaria policroma presenta almeno 50.000 pezzi rappresentanti figure buddhiste e della mitologia cinese molto ben conservate; sono situate in più di 40 luoghi diversi, vicini tra loro, tredici dei quali sono punti chiave per la conservazione di questi reperti d'arte.

L'incisione di queste sculture ebbe inizio circa 1300 anni fa sotto la dinastia Tang e i lavori proseguirono per tutta la dinastia Song sino al 1279. Durante la dinastia Ming (1358-1644) vi furono ulteriori aggiunte e trasformazioni. I bassorilievi scolpiti nella roccia sulla collina Baoding sono tra i più grandi e artisticamente i più rifiniti di qualsiasi altro esistente in Cina. A Dazu in 500 metri sono scolpite oltre 5000 statue e bassorilievi tra cui 31 figure gigantesche di Buddha, e la statua del Buddha Dormiente lunga 50 m.

Guangyuan: nell'estremo nord della provincia. Nei dintorni vi è lo Huangzesi (Tempio del Favore imperiale). Le sue parti in legno sono scomparse, rimangono ancora 6 grotte e 26 nicchie. Lo stile è quello della dinastia Tang, il Buddha è generalmente rappresentato attorniato dai discepoli.

Sempre vicino a Guangyuan vi è uno dei complessi scultorei più ricchi della provincia: la Qianfoyan (Roccia dei Mille Buddha), deI sec. VIII. Secondo un'iscrizione comprendeva 17.000 statue, ne rimangono solo 400.

Guanxian: località rinomata per il sistema idraulico iniziato dal letterato Li Bing verso il 250 a.C. il quale fece deviare parte delle acque del fiume Min verso la pianura mediante dighe e canali, rendendola fertilissima. In un edificio, costruito per onorare Li Bing e suo figlio che continuò l'opera, si può osservare, attraverso carte e disegni, il meccanismo per l'irrigazione. Un'iscrizione riporta un consiglio di Li Bing: "Fate profondi i canali e lasciate basse le dighe".

Kangding (Dardo): centro di comunicazione tra Tibet e Qinghai, abitata soprattutto da tibetani, che hanno qui il loro più importante mercato di scambio.

Leshan: antica città posta sulla confluenza dei fiumi Minjiang e Dadu. Sulla Collina Lingyun vi è una grande statua di Buddha alta 70 m completata neI 1° anno (713 d.C.) del regno di Kaiyuan della dinastia Tang, dopo 9 anni di lavoro.

Xingwen: nella parte meridionale della provincia. Qui si trova una Foresta di pietra su di un'area di 10 Kmq in cui sorgono picchi rocciosi dalle forme più strane, mentre il sottosuolo presenta una rete di gallerie, e la Collina della Tigre con un'apertura attraverso la quale si accede alle Grotte Tianquan, un sistema di cavità sotterranee a tre piani sovrapposti con numerose stalattiti.

Ya'an: tradizionale centro commerciale sulla strada principale per il Tibet.

Zigong: è famosa per la produzione di salgemma utilizzando acqua salata che scaturisce da profonde sorgenti.

 


CENTRORIENTE - P. IVA 07908170017 - CF PSCMRA56R30H856T

Copyright Centroriente 1999-2014