tuttocina
Google Web www.tuttocina.it

 

INDICE>DA UNA CINA LONTANA - MANIFESTI CINESI DEGLI ANNI SETTANTA

DA UNA CINA LONTANA
Manifesti cinesi degli Anni Settanta

Como, Palazzo del Broletto
4 - 27 aprile 2008
Inaugurazione: giovedì 3 aprile, ore 18

Un gruppo di contadini che festeggia la primavera. Il presidente Mao che chiacchiera con delle calzolaie. Pescatori e marinai che cuciono insieme le reti. E ancora giovani studenti che giocano con le armi e una lezione di ideologia in una comune popolare. 
Sono queste e molte altre le scene di vita quotidiana raccontate dai manifesti cinesi di propaganda maoista, tutti risalenti agli anni Settanta, che saranno esposti a Como dal 4 al 27 aprile 2008, presso il Palazzo del Broletto, nella mostra “Da una Cina lontana. Manifesti cinesi degli Anni Settanta” organizzata dall’Associazione Culturale Caracol in collaborazione con la Fondazione Antonio Ratti.
In tutto, saranno 45 i poster esposti, tutti originali e provenienti da una collezione privata. 

Nella Cina comunista, la cosiddetta “arte di propaganda” ha rivestito un ruolo importantissimo nel supportare le campagne di mobilitazione lanciate dai leader. Fin dalla fondazione della Repubblica popolare i poster di propaganda, veri e propri mezzi di persuasione sociale e politica, sono stati lo strumento privilegiato non soltanto per promuovere e sostenere le scelte del partito, ma anche per diffondere, attraverso l’arte, i modelli di comportamento che la popolazione era chiamata a seguire. 
I manifesti, opere di singoli artisti mai diventati celebri riprodotte in centinaia di migliaia di copie, erano in vendita per pochi mao nelle librerie di proprietà statale, per poi finire a decorare i muri nei salotti delle famiglie cinesi.

Oggi questi poster sono diventati icone di riferimento: fonte di ispirazione per la pubblicità commerciale e modelli per gli artisti cinesi contemporanei, che li rivisitano con intenti spesso dissacranti, ma anche con la nostalgia per una Cina che non esiste più. 
In una società che è cambiata profondamente dal 1949 in poi, però, le immagini, i protagonisti, le atmosfere, i simboli e i colori di questi manifesti raccontano anche, a distanza di decenni, i radicali mutamenti storici ed estetici vissuti dal Paese e danno un’idea di come la Cina ha visto se stessa e il suo futuro nel corso del tempo.

I poster degli anni Settanta sono rappresentazioni vivaci ed evocative di una Cina ormai lontana nel tempo e nei modi. Una Cina i cui protagonisti sono soprattutto i contadini, la natura, gli animali e i bambini e in cui si celebra la vita in comune e l’armonia sociale. È una Cina fatta di volti sorridenti, in cui la campagna prevale sulla città. 
Nel Paese dipinto in questi manifesti non c’è traccia di devastazioni e di scontri. È un Paese che desidera lasciarsi alle spalle le tragedie della Rivoluzione culturale, nel tentativo di ritrovare finalmente la serenità. Una Cina molto diversa da quella raccontata dalla storiografia ufficiale. 
Una Cina forse vera, forse sognata. Ma che di certo non c’è più.


Nell’ambito della mostra, mercoledì 9 aprile alle ore 21, sempre presso il Palazzo del Broletto, si terrà la conferenza “Da una Cina lontana” con Alessandra C. Lavagnino (presidente del Corso di laurea in mediazione linguistica e culturale – Università degli Studi di Milano) e Giorgio Mantici (Professore Associato di Storia della Cina – Università Orientale di Napoli), durante la quale i manifesti in mostra verranno illustrati e inquadrati nel contesto sociale, storico e politico della Cina degli anni Settanta.

La mostra e la conferenza si terranno presso la sala esposizioni del Palazzo del Broletto, in Piazza del Duomo a Como.

Ingresso libero

Informazioni
Tel. 031.301037 – fax 031.299028
info@associazionecaracol.org
www.associazionecaracol.org   

La manifestazione gode del patronato della Presidenza della Regione Lombardia, del contributo di BCC Alta Brianza Alzate Brianza, di Benzoni Gioielli e di Litostampa Istituto Grafico. Gode inoltre del patrocinio del Consolato Generale della Repubblica Popolare di Cina in Milano, dell’Assessorato Cultura della Provincia di Como, dell’Assessorato Cultura del Comune di Como, dell’Università degli Studi di Milano, della Camera di Commercio di Como, dell’Ordine degli Architetti di Como, della Fondazione Italia Cina.

Ufficio stampa
Ellecistudio Como. Tel. +39.031.301037 
e-mail: ellecistudio@ellecistudio.it 

 

CENTRORIENTE - P. IVA 07908170017 - CF PSCMRA56R30H856T

Copyright Centroriente 1999-2014