tuttocina
Google Web www.tuttocina.it

 

INDICE>RIFLESSI D'ORIENTE

RIFLESSI D'ORIENTE
LA CINA E L'ARTE DEGLI SPECCHI

Torino - MAO, Museo d'Arte Orientale
23 Novembre 2012 - 24 Febbraio 2013

La Cina e l'arte degli specchi2500 anni di capolavori di tecnica metallurgica esposti per la prima volta al MAO di Torino nella mostra "Riflessi d'Oriente". Tutti i segreti degli specchi in Cina e dintorni 

“Riflessi d’Oriente” è il titolo della mostra che sarà inaugurata il 23 novembre negli spazi del Museo d’Arte Orientale (Mao) di Torino con l'intenzione di far conoscere al grande pubblico l’importanza dello specchio nella storia artistica asiatica. Gli specchi esposti, veri e propri capolavori di tecnica metallurgica, ideati per un uso pratico e rituale, sono oggetti carichi di implicazioni magiche e simboliche e, mostrando gli interessi e le aspirazioni della società cinese di ogni epoca, ben rappresentano le tappe della cultura e dell’arte estremo-orientale nello spazio e nel tempo.

Lo specchio, sebbene sia un oggetto comunemente adoperato, è stato caricato, nel corso del tempo e dalle più diverse culture del pianeta, di significati e implicazioni che hanno spesso finito per esulare dall’uso prettamente pratico, sconfinando nel campo delle superstizioni, della magia, della psicologia, della spiritualità. Se nella cultura occidentale la parola ‘specchio’ comporta un’infinità di associazioni mentali in campo mitologico, letterario, artistico, religioso quali pochi altri oggetti della nostra vita quotidiana possono vantare, possiamo facilmente immaginare come in altri universi culturali, come quello asiatico, le implicazioni possano essere altrettanto ricche e complesse.

Con i circa 125 specchi esposti, molti dei quali provenienti da una importante collezione privata torinese, l'esposizione presenta dunque una interessante panoramica ragionata sia sul valore artistico dei motivi decorativi ed iconografici presenti sui manufatti, sia sui diversi significati dello specchio in Asia orientale.

La mostra diviene così anche una stimolante occasione di riflessione sulle differenze e i parallelismi tra Oriente e Occidente. Se ad esempio in Occidente, il "verso" dello specchio appare meno carico di implicazioni simboliche, in Asia orientale invece entrambe le facce rivestono la stessa importanza, con il retro che diventa il supporto privilegiato per raffigurazioni che dialogano – seppur su piani concettuali e formali diversi – con la simbologia inespressa della parte specchiante.

Nucleo centrale della mostra, che rimarrà aperta dal 23 novembre 2012 al 24 febbraio 2013, sono gli specchi prodotti in Cina tra il periodo degli “Stati Combattenti” e la fine della dinastia Tang, ovvero dal V secolo a.C. al X secolo d.C. circa, epoca di maggiore sperimentazione e di maggiore interesse artistico-culturale nei confronti dello specchio in Asia orientale. Non mancheranno tuttavia delle esemplificazioni di produzioni più antiche e più recenti e un approfondimento del rapporto con le altre regioni dell’Asia orientale – Corea, Giappone, Sud-Est asiatico – che hanno adottato forme e simboli dello specchio cinese modificandoli e adattandoli alle proprie culture.

In occasione di “Riflessi d’Oriente”, il MAO proporrà un ricco calendario di incontri di approfondimento e di visite guidate alla mostra disponibile a breve sul sito www.maotorino.it 

MAO Museo d’Arte Orientale
Via San Domenico 11 Torino 
Orario: martedì-domenica ore 10-18, chiuso il lunedì
Ingresso al museo: intero € 10, ridotto € 8, gratuito ragazzi fino ai 18 anni
INFO: tel. 011 4436927 - e-mail mao@fondazionetorinomusei.it 

(da www.turismo.it)

 

CENTRORIENTE - P. IVA 07908170017 - CF PSCMRA56R30H856T

Copyright Centroriente 1999-2014