tuttocina
Google Web www.tuttocina.it

 

INDICE>TRA FABBRICHE E POESIA LA “SCRITTURA DAL BASSO” DEGLI OPERAI CINESI

TRA FABBRICHE E POESIA
LA “SCRITTURA DAL BASSO” DEGLI OPERAI CINESI

Incontro

Università degli Studi di Milano
Sesto S. Giovanni - Martedì 19 marzo 2013

La crescita economica cinese degli ultimi decenni è oggi ben visibile a chiunque, non solo agli esperti del settore. I cambiamenti sociali e culturali prodotti da questo innegabile sviluppo hanno generato accesi dibattiti soprattutto in ambito letterario, portando intellettuali e scrittori cinesi a trovarsi d’accordo su un punto: la crescita del paese ha generato un miglioramento delle condizioni di vita di molti, ma in campo letterario è stata probabile causa della volgarizzazione e commercializzazione della letteratura.

Il benessere, del resto, non è ancora per tutti: la diseguaglianza sociale – specialmente tra zone urbane e rurali, tra aree costiere e interne – e l’aumento del tasso di disoccupazione sono questioni che sembrano gradualmente intensificarsi, creando una disparità difficile da gestire e da contrastare. A pagarne il prezzo sono soprattutto i dagongren, lavoratori e lavoratrici provenienti dalle zone rurali, pronti a vendere anche a basso costo la propria manodopera pur di essere non solo forze motrici, ma attori sociali ufficialmente riconosciuti del ‘colosso’ Cina del XXI secolo.
In questi ultimi anni, l’essere dagongren da problema sociale si è trasformato in questione letteraria: alcuni intellettuali hanno iniziato a mostrare un certo interesse per le condizioni di vita degli operai migranti, soprattutto da quando nei circoli letterari si è nuovamente discussa l’ipotesi di una “scrittura dal basso” che potesse rappresentare questi nuovi soggetti sociali.
Serenza Zuccheri, docente a contratto di Cultura e Istituzioni della Cina e di Lingua Cinese presso la facoltà di Lingue e Letterature Straniere dell’Università “G. D’Annunzio” di Chieti-Pescara, parlerà di questo fenomeno culturale e letterario martedì 19 marzo alle 12.30 in aula T9 al Polo di Mediazione Interculturale e Comunicazione dell’Università degli Studi di Milano (piazza Montanelli 1, 20099 Sesto San Giovanni, MM1 Sesto Marelli), nell’incontro intitolato “Per una ‘scrittura dal basso’: Zheng Xiaoqiong poetessa operaia”.
Partendo dalla lettura e dall’analisi di alcune poesie di una giovane operaia, Zheng Xiaoqiong, poetessa oggi molto apprezzata dall’establishment letterario cinese, Zuccheri evidenzierà le caratteristiche di questa produzione letteraria e le sue implicazioni con le tendenze sociali e culturali della Cina di oggi. 

Ingresso libero.

Per informazioni:
Istituto Confucio dell’Università degli Studi di Milano
tel. 02.50321675 (lunedì – venerdì, dalle 10.00 alle 15.00)
info.confucio@unimi.it
www.istitutoconfucio.unimi.it

 

CENTRORIENTE - P. IVA 07908170017 - CF PSCMRA56R30H856T

Copyright Centroriente 1999-2014