tuttocina
Google Web www.tuttocina.it

 

INDICE>A ORIENTE. CITTÀ, UOMINI E DEI SULLE VIE DELLA SETA

YAN LIANKE
A Milano lo scrittore che ha servito il popolo

Negozio civico “ChiAmaMilano”
Largo Corsia dei Servi 11, Milano
9 dicembre 2011

>Nei suoi romanzi ha sbeffeggiato la retorica di partito e i precetti rivoluzionari trasformando oggetti “sacri” del maoismo in strumenti di piacere (Servire il popolo, Einaudi 2006); ma ha anche raccontato la tragedia della vendita del sangue tra contadini cinesi, documentando il dramma del contagio Aids che ha spazzato via la vita nella provincia dello Henan (Il sogno del villaggio dei Ding, Nottetempo 2011). 
Yan Lianke, 53 anni, uno degli scrittori più vivaci e iconoclasti del panorama cinese contemporaneo, sarà a Milano venerdì 9 dicembre per incontrare il pubblico nella serata organizzata dall’Istituto Confucio dell’Università degli Studi di Milano nel cuore della città.
L’incontro si terrà alle 18.30 al negozio civico “ChiAmaMilano” http://www.chiamamilano.it/cgi-bin/testo2.pl?pmid=21&pos=5, Largo Corsia dei Servi 11, Milano (MM1 Duomo/San Babila). A introdurre Yan Lianke sarà Silvia Pozzi, sinologa e traduttrice di scrittori cinesi celebri come Yu Hua e Han Han. Ingresso libero.

Per informazioni: Tel. 02-50321675 (lunedì – venerdì, dalle 10.00 alle 13.00), info.confucio@unimi.it, www.istitutoconfucio.unimi.it

Servire il popolo
Parodiando lo stile burocratico che irride alle regole della disciplina militare, l’autore racconta la storia di un audace servitore del popolo il quale, seguendo "alla lettera" i dettami di Servire il popolo del Presidente Mao, offre i propri servigi sessuali alla moglie del suo comandante. Ventottenne ambizioso, Wu Dawang è infatti uno zelante rivoluzionario che sa recitare a memoria i 286 articoli del «libretto rosso» del Presidente Mao. Senza sapere di essere spiato con il binocolo dalla bella Liu Lian, moglie del comandante, si cimenta nel suo lavoro nell'orto, mostrando la splendida muscolatura lucida di sudore. Dopo un primo rifiuto e il rischio di essere licenziato per indisciplina, diventa l'amante della signora. Yan Lianke descrive minuziosamente le decine di amplessi tra i due in ogni angolo della casa. Ma la signora ha ancora in serbo delle sorprese per il suo giovane amante. Censurata dal regime come pornografia, questa storia, che utilizza alcuni dei sacri oggetti del culto maoista, è una denuncia del travisamento dei precetti rivoluzionari per scopi personali.

Il sogno del villaggio dei Ding
Il Villaggio dei Ding è un pugno di case di paglia disteso lungo l’antico letto del Fiume Giallo. Il suo è un equilibrio che sembra immutabile, ma negli anni ’90 tutto è sommerso dall’“ondata rosso sangue”: la spregiudicata campagna del governo cinese per promuovere la vendita del sangue tra i contadini, che aderiscono in massa con il sogno di costruire case di mattoni e nuovi pollai. Mentre alcuni si arricchiscono con questa compravendita, altri si ammalano di una strana “febbre”: l’AIDS. Yan Lianke traduce in personaggi e immagini indimenticabili la storia di un’intera comunità spazzata via “come le foglie di un vecchio albero”: il giusto Maestro Ding alle prese con un figlio senza scrupoli, la campagna che a poco a poco si inaridisce come se fosse anch’essa dissanguata, il villaggio che si riempie di stendardi funebri bianchi come la neve, la scuola del paese che diventa l’ultimo rifugio dei malati e il teatro di odi e amori. Un romanzo che nasce da una tragedia vera e misconosciuta, intenso e crudele come un racconto epico, struggente come una ballata.

Contatto per i giornalisti: Emma Lupano, tel. 335.7835402, e-mail: emma.lupano@unimi.it

Le schede dei due libri:
Servire il popolo
Il sogno del villaggio dei Ding

 

CENTRORIENTE - P. IVA 07908170017 - CF PSCMRA56R30H856T

Copyright Centroriente 1999-2014