tuttocina
Google Web www.tuttocina.it

 

INDICE>FRAMMENTI D'ORIENTE>UN FASCINO (QUASI) SVELATO

Un fascino (quasi) svelato

Ichimame, giovane geisha di un vecchio quartiere di Kyoto, ha deciso di alzare il velo sull’universo ancora semisconosciuto delle famose dame di compagnia giapponesi confidando i suoi segreti su un blog per perpetuare la tradizione. Più volte alla settimana, questa apprendista geisha (maiko in giapponese) di 18 anni si mette davanti alla tastiera nel salone di una casa da tè di Kyoto, pervaso da discreti effluvi di incenso.

MaikoDall’apertura del blog quasi due anni fa – una “prima” nel mondo chiuso delle geishe – , migliaia di lettori si connettono ogni mese da tutto il mondo, Italia compresa. Gli internauti possono così seguire la vita quotidiana di questa maiko: i suoi studi di canto, danza, musica, arte della conversazione, dell’intrattenimento e del vestire, oltre a confidenze più personali come la sua debolezza per i bigné alla crema…

Ichimame descrive dettagliatamente la mezz’ora che dedica ogni giorno al suo maquillage, utilizzando l’oschiroi, la “polvere bianca” che le geishe applicano sui loro visi e sui loro colli.

“L’oschiroi è differente dal maquillage classico”, scrive la maiko sul suo sito (http://ichi.dreamblog.jp/): “Sciolgo la polvere nell’acqua, poi la applico stendendola accuratamente su viso, collo e schiena, al fine di svelare il lungo decolleté così caratteristico delle geishe. Quindi aggiungo un tocco di rosso e di marrone su sopracciglia e palpebre, un po’ di fondotinta rosa sui pomelli prima di completare con una punta di rossetto vermiglio”.

Svelando il suo quotidiano, Ichimame spera di suscitare delle vocazioni ma anche di incoraggiare le sue “consorelle” sottomesse allo stesso lungo e arduo apprendistato che dura sei anni.

“Spero di dare una mano alle ragazze che hanno il desiderio e la volontà di diventare maiko”, dice, ornata di un kimono verde limone (colore che simboleggia la fine dell’autunno) che contrasta armoniosamente con il biancore del volto.

Dall’età di 15 anni, Ichimame apprende l’arte di mangiare delicatamente con le bacchette, di camminare a piccoli passi, strettamente avviluppata in un kimono, di parlare con la distinzione di una kyotese, e mille altri dettagli.

Con questo diario elettronico spera anche di combattere gli “stereotipi” veicolati in particolar modo in occidente sulle geishe, come nella superproduzione hollywoodiana “Memorie di una geisha”, tratta dal romanzo di successo dell’americano Arthur Golden.

“Questo film ritrae una maiko totalmente distante dalla realtà”, assicura Susumu Harema, 35 anni, uno dei gestori della casa da tè in cui viene educata Ichimame. “Una maiko non va mai a letto – e dico mai – con un cliente. Il suo ruolo è quello di divertire la clientela, cantare, danzare, sostenere la conversazione”, precisa.

Favorevoli all’iniziativa del blog che, sperano, permetterà anche di promuovere la loro casa da tè, i mentori di Ichimame tuttavia le proibiscono di rivelare l’intimità delle serate o dei banchetti privati.

“Sarebbe una brutta cosa dire tutto, raccontare tutto. Bisogna lasciare il velo su ciò che deve esserlo”, sottolinea Susumu Harema.

L’idea del blog vuole anche attirare i turisti a Kyoto, anche se solamente gli invitati debitamente raccomandati avranno il privilegio di passare una serata con una geisha.

“Se qualcuno bussasse per caso alla nostra porta chiedendo di vedere una maiko, gli si opporrà un automatico e perentorio rifiuto”, mette in guardia Susumu Harema.


Frammenti d'Oriente, settembre 2007

 

CENTRORIENTE - P. IVA 07908170017 - CF PSCMRA56R30H856T

Copyright Centroriente 1999-2014