tuttocina
Google Web www.tuttocina.it

 

INDICE>FRAMMENTI D'ORIENTE>IN BREVE: A SHANGHAI I TAXI SI CHIAMANO CON GLI SMS...

In breve

A Shanghai i taxi si chiamano con gli SMS

D’ora in poi i residenti di Shanghai e chi si trova in visita nella città e dovesse aver bisogno di un taxi, non dovranno più agitare la mano in attesa sul bordo della strada per chiamarlo, oppure chiamare la compagnia dei taxi. Basterà semplicemente mandare un sms al Centro di Controllo dei Taxi di Shanghai, che ha appena presentato un servizio chiamato “chiama un taxi con un SMS”.

I clienti dovranno semplicemente mandare un messaggino in cui siano contenuti la destinazione e l'ora in cui avranno bisogno del taxi al centro, che verificherà immediatamente le richieste dei clienti attraverso un SMS di risposta. Un taxi raggiungerà in 10 minuti il luogo richiesto dai clienti.

Prima nel mondo senza fili

All'inizio del 2005, gli utenti cinesi di telefonia cellulare avevano già superato la cifra di 325 milioni, con 25,1 persone su cento che fanno ora uso del telefono senza fili. Questa cifra porta la Cina nella posizione di primo paese al mondo per il volume di proprietari di telefoni cellulari. Con più di 9 milioni di utenti, la Beijing Mobile è una delle dieci maggiori compagnie al mondo fornitrici di servizi di telefonia cellulare.

L’uomo più ricco della Cina

Ding Lei William, originario di Ningbo, nella Provincia del Zhejiang, a soli 33 anni è l'uomo più ricco della Cina. Fondatore, direttore tecnico e ideatore principale di NetEase, secondo il periodico Forbes Global, Ding vale circa 1 miliardo di dollari e secondo l'Elenco degli Uomini Cinesi più Ricchi vale 7,5 miliardi di yuan.

Nata nel giugno 1997, NetEase inizialmente era una azienda con una dozzina di addetti che ben presto crebbe trasformandosi in un’impresa privata con quasi 300 impiegati. Nei primi due anni, Ding concentrò i suoi investimenti e le sue energie nello sviluppo delle applicazioni per Internet, compreso un sistema di e-mail in due lingue, il primo nel suo genere in Cina. Quel sistema, lanciato nel novembre del 1997, spronò la diffusione e lo sviluppo di Internet in Cina.

Il percorso di crescita di NetEase è fenomenale: in un anno e mezzo il valore delle azioni della Nasdaq crebbe da 95 centesimi, nel gennaio del 2002, a 70$. Era un ritorno trionfale, dopo il 4 settembre 2001, sicuramente il giorno più buio per NetEase, giorno in cui Nasdaq chiuse le porte alla società per falso in bilancio nel 2000. Ding e la sua società furono nel limbo fino al 2 gennaio del 2002, quando le azioni furono reintrodotte sul mercato a 95 centesimi l'una.

"La vita è come un cioccolatino al liquore" ha affermato Ding in una recente intervista. "Non sai mai cosa ci sia dentro." Ding non si sarebbe mai aspettato di divenire l'uomo più ricco della Cina, e quando parla degli alti e bassi del suo NetEase non sembra affatto eccitato.
Alcuni dicono che sia stata solo fortuna, ma Ding la pensa diversamente. "Gli uomini forti creano sempre nuove opportunità." Recentemente Ding ha conseguito la laurea in ingegneria all'Università di Scienza, Elettronica e Tecnologia a Chengdu. "I ragazzi intelligenti colgono le occasioni al volo, mentre quelli deboli aspettano sempre opportunità migliori."

Ding non risparmia sforzi nel promuovere i suoi impiegati con l'adeguato training e ad assume personalmente i suoi collaboratori. La sua speranza è quella di assumere da 2.000 a 3.000 impiegati per migliorare la competitività di NetEase.

Scarsi i consumi di derivati del latte in Cina

Al Congresso per l'Alimentazione in Cina è stato recentemente affermato che secondo le statistiche del 2004, il consumo pro capite della produzione annuale di prodotti derivati del latte in Cina è di 12 chilogrammi, pari a soltanto il 12,6 percento della media mondiale, corrispondente a 95 chilogrammi.

Gli esperti del Centro cinese di Sviluppo di Cibo Ecologico hanno spiegato che il consumo dei derivati del latte in Cina non ha seguito un percorso "razionale", in particolar modo per le abitudini alimentari e i diversi concetti relativi al mangiare e alla nutrizione. Per esempio, alcuni tendono a integrare il calcio con l'uso di vitamine e hanno meno coscienza che bere il latte è una maniera più economica per un equilibrato e giornaliero apporto di calcio.


Frammenti d'Oriente, settembre 2006

 

CENTRORIENTE - P. IVA 07908170017 - CF PSCMRA56R30H856T

Copyright Centroriente 1999-2014