tuttocina
Google Web www.tuttocina.it

 

INDICE>FRAMMENTI D'ORIENTE>STORIA DELLA SCRITTURA CINESE (PRIMA PARTE)

Storia della scrittura cinese (I parte)

1. Le origini della scrittura cinese

La scrittura cinese appare come un sistema di scrittura pienamente sviluppato nella seconda parte della dinastia Shang (14-11 sec. a.C.). Da questo periodo abbiamo numerosi esempi di scrittura su ossa e gusci di tartaruga, per la maggior parte in forma di brevi testi divinatori. Dello stesso periodo esiste anche un certo numero di iscrizioni su recipienti di bronzo di vario tipo. Il primo tipo di scrittura conosciuto come scrittura su ossa oracolari, il secondo come scrittura su bronzi. La scrittura di questo periodo gi pienamente sviluppata, capace di testimoniare la lingua cinese contemporanea in maniera completa e non ambigua. La maturit di questa prima scrittura ha suggerito a molti studiosi che doveva essere trascorso un periodo di sviluppo abbastanza lungo prima di raggiungere questo stadio, ma i pochi esempi di scrittura che precedono il 14 secolo sono sfortunatamente troppo scarsi per permettere una qualsiasi sorta di ricostruzione di questo sviluppo. Sulla base delle prove disponibili, tuttavia, non sarebbe irragionevole assumere che la scrittura cinese nacque durante la prima parte della dinastia Shang o addirittura durante l'ultimo periodo della dinastia Xia o approssimativamente nel 17 secolo a.C.
Fin dagli inizi il sistema di scrittura cinese stato fondamentalmente morfemico: cio quasi ogni carattere rappresenta un singolo morfema. Poich la stragrande maggioranza dei morfemi dell'Antico Cinese era monosillabico ci significa che ogni carattere rappresenta una singola sillaba. La scrittura cinese differisce dalle scritture puramente sillabiche (ad es. il giapponese kana) per il fatto che le sillabe omofone sono rappresentate da differenti caratteri quando hanno un significato differente. Per esempio, shǒu "testa" e shǒu "mano" sono rappresentati da differenti caratteri anche se sono omofoni per quanto si riesca a risalire nel tempo.

La prima scrittura cinese mostra che aveva un'origine fondamentalmente pittografica. Nei primi stadi del suo sviluppo, chiaro che il meccanismo principale per la creazione di caratteri era disegnare una raffigurazione di ci che voleva essere rappresentato. Esempi di questo tipo di caratteri sono mostrati nella figura 1. Pi il carattere era realmente rappresentativo e pi era difficile e lungo da dipingere. C' una naturale tendenza per tali caratteri a diventare progressivamente semplificati e stilizzati man mano il sistema di scrittura matura e diventa maggiormente usato. Il carattere per quăn "cane" mostrato nella figura 2 illustra bene questo tipo di sviluppo.

Non tutti gli elementi della lingua possono essere facilmente rappresentati in forma pittorica. Davanti a questo problema i primi creatori della scrittura cinese fecero ricorso a vari altri meccanismi. Uno fu quello di usare una rappresentazione pi astratta; per esempio, per scrivere shng "sopra" essi disegnarono una linea orizzontale e misero un'altra linea orizzontale pi corta sopra di essa (tabella 1); xi "sotto" venne scritto in modo simile, con una linea breve sotto una linea orizzontale pi lunga. La parola wi "circondare" fu scritta ponendo quattro piccoli caratteri per "piede" attorno a un quadrato vuoto, probabilmente rappresentante una citt cinta da mura. In tutti questi casi le rappresentazioni grafiche sono unite direttamente ai loro corrispondenti morfemi senza nessun riferimento al suono o pronuncia della parola in questione. 

Ma questi meccanismi si dimostrarono inadeguati per rappresentare il primo cinese in maniera completa. Infine, come in tutti i sistemi di scrittura completamente sviluppati, bisogn prendere in considerazione la pronuncia degli elementi che dovevano essere scritti. 
Un modo per fare questo fu l'uso del principio del "rebus", cio impiegare un pittogramma o un altro carattere rappresentativo non fonetico solamente per il suo valore fonetico; per esempio, la parola li "venire" sarebbe stata difficile da rappresentare facendo ricorso a meccanismi pittografici o puramente rappresentativi. Una soluzione a questo problema fu di prendere in prestito il carattere di un omofono o quasi-omofono. In questo caso particolare venne scelto un pittogramma che rappresentava li "grano"; nella storia della lingua, successivamente questa parola per "grano" divenne obsoleta e il carattere in questione ora sopravvive solo con il suo significato preso in prestito di "venire". Gli elementi grammaticali erano particolarmente difficili da rappresentare in forma pittorica; di conseguenza, praticamente tutti i primi caratteri per questo tipo di elementi sono basati siul principio del "prestito fonetico".
In aggiunta ai tipi di carattere descritti sopra, un piccolo numero di caratteri furono segni in apparenza puramente arbitrari che non avevano nessuna relazione rappresentativa o fonetica con la parola in questione. Un esempio di questo tipo di caratteri "cinque" che veniva scritto con una "X", o la parola per "sette", scritta con una semplice croce. Nell'Antica Cina fu sviluppato un altro meccanismo per la formazione dei caratteri che divenne progressivamente sempre pi importante: il meccanismo della composizione fonetica. Un carattere di questo tipo consiste di un elemento semantico combinato con un secondo elemento usato per indicare la pronuncia del nuovo carattere; per esempio, la parola lng "lupo" era scritta con il carattere di quăn "cane" alla sinistra e un carattere pronunciato ling (con il significato di "buono") alla destra. L'elemento fonetico qui generalmente usato solamente per il suo valore di suono, indipendentemente dal suo significato. L'impulso originale per la creazione di caratteri di questo tipo pu essere stato il bisogno di distinguere caratteri che si rassomigliavano e potevano essere facilmente confusi. I numerosi caratteri per i vari tipi di uccelli, per esempio, potevano essere distinti pi chiaramente se ad essi fossero stati aggiunti tali elementi fonetici. Un altro impulso fu probabilmente l'aumentato numero di prestiti di semplici caratteri per il loro valore fonetico per scrivere parole altrimenti difficili da rappresentare. Con il progressivo maggior uso di questo meccanismo il pericolo di ambiguit e confusione indubbiamente decrebbe. Questa ambiguit pot essere risolta con l'aggiunta di indicatori semantici. Un esempio di questo il primo uso del pittogramma "cesto per la vagliatura" per la parola q, una particella modale che denota probabilit o futuro; poich la parola grammaticale q ha una frequenza testuale molto pi alta rispetto a , a quest'ultimo venne aggiunto il carattere zh "bamb" per distinguerlo da q. La scrittura Shan conteneva quindi caratteri di due tipi: uno era rappresentativo semanticamente, senza alcuna indicazione della pronuncia delle parole rappresentate, l'altro tipo era in un certo modo legato alla pronuncia delle parole.
In entrabi i casi essenziale sottolineare che i singoli caratteri del sistema di scrittura Shang rappresentavano specifiche parole nella lingua Shang, ognuna delle quali aveva le sue proprie caratteristiche semantiche e fonologiche. La nozione che qualche volta si incontra che i caratteri Cinesi in un qualche modo rappresentano idee piuttosto che specifiche parole cinesi evidentemente assurda e porta a grossi fraintendimenti riguardo sia alla scrittura cinese che alla natura della scrittura in generale. Per questa ragione, il termine ideogramma, che stato spesso usato per riferirsi ai caratteri cinesi, meglio che venga evitato. I caratteri cinesi rappresentano parole cinesi e il fatto di capire il processo di formazione semantico e fonologico di queste parole essenziale per capire come funziona il sistema di scrittura cinese.
I caratteri della tabella 1 illustrano alcune delle categorie dei caratteri Shang. Dopo ogni carattere, tra parentesi, troviamo la forma moderna del carattere con la sua lettura in Medio Cinese e la ricostruzione di F. K. Li in Cinese Antico.
L'esempio 1 della tabella un chiaro esempio di un pittogramma originale; la raffigurazione del sole. L'esempio 2 mostra il carattere rn "persona" vicino a m "albero"; l'unione di questi due elementi usata per esprimere la parola xiū "riposare" poich presumibilmente la gente spesso riposa all'ombra di un albero. L'esempio 3 la parola li della quale si parlato sopra; in origine un pittogramma per una parola con il significato di "grano" fu presa in prestito per scrivere li, che a quel tempo era un omofono o quasi-omofono. Il carattere 4 un carattere che offre un'indicazione grafica di un'idea; la parola shng "sopra", e mostra un tratto orizzontale sopra un altro. L'esempio 5 mostra la parola q la cui origine stata descritta sopra. L'ultimo carattere della tabella quello per "pollo"; questa parola venne scritta anche con un semplice pittogramma, ma qui stato aggiunto un elemento fonetico alla sinistra per indicare la sua pronuncia; nello stesso tempo il pittogramma originale stato in un qualche modo semplificato.
Mentre nella dinastia Shang le principali fonti per lo studio della scrittura sono le ossa oracolari e i gusci di tartaruga, nella dinastia Zhou Occidentale (11 secolo a.C.) e nel periodo delle Primavere e Autunni (770-476 a.C.) le fonti principali sono le iscrizioni su bronzo. Queste iscrizioni, trovate su recipienti di bronzo di varie forme e funzioni, variano da pochi caratteri a diverse centinaia. La scrittura di questo periodo nella sua struttura e stile molto simile a quella dell'ultimo periodo Shang ed chiaramente derivata da essa. Essa mostra una generale tendenza verso una maggiore linearit e regolarit di forma, come si pu vedere nella tabella 2. Questa tendenza diventa ancora pi pronunciata nel periodo Primavere e Autunni.


Da questi esempi rappresentativi appare ovvio che la scrittura, maturando, diventa pi semplice, e progressivamente comincia a perdere alcune delle sue qualit pittografiche. Questo fu dovuto alla crescente importanza dell'uso della scrittura in una societ che diventava pi complessa, e al bisogno di semplificare e razionalizzare la struttura lineare dei caratteri con il loro sempre pi diffuso uso. In generale si pu osservare anche la tendenza a raddrizzare i tratti e a convertire tratti prima arrotondati in tratti con angoli pi acuti. Nell'era seguente il periodo Primavere e Autunni, l'uso della scrittura si diffuse in quasi tutti i livelli della societ; questa popolarizzazione della scrittura port allo sviluppo di molti caratteri drasticamente semplificati, accelerando ancora di pi l'allontanamento da forme pittografiche ovvie, e impart alla scrittura un aspetto visuale interamente nuovo. Lo sviluppo di quello che uno potrebbe chiamare (dopo simili sviluppi nell'Antico Egitto) forme demotiche fu diffuso soprattutto negli stati della Cina Orientale. La scrittura dello stato occidentale di Qin, al contrario, tese generalmente a conservare pi fedelmente l'aspetto pittorico. La tendenza principale osservabile nel periodo degli Stati Combattenti (475-222 a.C.) un ulteriore sviluppo verso la semplificazione, sebbene qui e l siano stati osservati alcuni esempi di grande elaborazione. Senza dubbio, principalmente come conseguenza di una frammentazione politica, pu essere osservata anche una crescente diversit tra le scritture dei vari stati e regioni; cos, alla vigilia del primo grande consolidamento imperiale sotto Qn Shĭ Hungd nel 221 a.C., la scrittura cinese, nel corso della sua storia di pi di un millennio, si era evoluta allontanandosi dalle sue primitive radici pittoriche e, grazie alle forze centrifughe create dalla disunit politica, si stava sottoponendo a un processo di rapida diversificazione.

2. Codificazione della scrittura sotto la dinastia Qin

La dinastia Qin un grande spartiacque nella storia della scrittura cinese. I due o tre secoli che precedono l'unificazione dell'intero paese sotto Qn Shĭ Hungd videro un rapido sviluppo della scrittura praticamente in tutte le aree del paese. Non solo la scrittura si svilupp costantementever verso una forma pi semplice e meno pittografica, ma assunse forme marcatamente differenti nei diversi principati indipendenti del periodo degli Stati Combattenti. Il nuovo impero Qin, all'interno della politica di standardizzazione di cose quali pesi e misure, valuta e statuti legali, si impegn anche in una politica di riforma della scrittura. In termini pratici, questo signific l'obbligo dell'uso della scrittura Qin in tutto l'impero, e come risultato di ci le varie scritture locali che erano state in uso fino a quel tempo caddero in disuso. la scrittura Qin, quindi, che l'antenata di tutte le succesive forme di scrittura cinese. Come sottolineato nella sezione precedente, il sistema di scrittura del vecchio (pre-imperiale) stato di Qin tendeva ad essere considerevolmente pi conservatore degli stati della Cina orientale; ci significa che adottando definitivamente le forme della scrittura Qin la Cina preserv al massimo grado la continuit con il passato.
La scrittura che fu adottata sotto la dinastia Qin esistette in due forme differenti, una forma standard pi complessa e una forma demotica (che chiameremo popolare) semplificata. La prima scrittura conosciuta come zhunshū o "scrittura del sigillo", dal suo diffuso uso sui sigilli. Lo stile del sigillo Qin disceso direttamente dalla scrittura su bronzo della tarda dinastia Zhou Occidentale (vedi sopra). Nel corso del suo sviluppo lo stile del sigillo aveva assunto un aspetto pi regolare e bilanciato senza, tuttavia, cambiare fino al punto che le sue origini pittografiche venissero totalmente oscurate. Tradizionalmente l'invenzione dello stile del sigillo era stata attribuito al Primo Ministro Qin Lĭ Sī (208 a.C.), ma la ricerca moderna ha mostrato che lo stile del sigillo Qin nei suoi dettagli essenziali esisteva gi prima della dinastia Qin; ovviamente possibile che Lĭ Sī abbia giocato un qualche ruolo nella standardizzazione della forma ufficiale di questa scrittura.
Pi importante della scrittura del sigillo nella storia seguente della scrittura cinese fu la seconda variet di scrittura di cui si accennato prima. Questa forma di scrittura "popolare" venne ad essere conosciuta come lshū "scrittura degli scribi" dalla sua associazione con i vari tipi di impiegati del governo. In origine non fu niente di pi che una continuazione organica della vecchia scrittura popolare dello stato di Qin. Lo stile impiegatizio nella sua forma grafica era altamente evoluto e rappresent una versione molto semplificata dello stile del sigillo standard.

3. Le variet della scrittura antica e la sua nomenclatura

Le forme di scrittura cinese usate fino alla fine della dinastia Qin sono conosciute come "scrittura antica". Poich la scrittura fino a quel momento era andata incontro a molte trasformazioni utile a questo punto elencare e spiegare quali furono i principali tipi di scrittura antica.

1. Scrittura della dinastia Shang. Il tipo di scrittura rappresentativo di questo periodo la jiăgŭwn "scrittura su ossa oracolari". Questo il primo tipo di scrittura conosciuto a noi in termini puramente cronologici. Appare iscritta (od occasionalmente scritta con un pennello) su ossa e gusci di tartaruga. I testi sono quasi sempre di natura divinatoria oppure oracolare. Sebbene la maggior parte di questi esempi risalgano alla dinastia Shang, recentemente sono stati scoperti alcune jiăgŭwn della dinastia Zhou. Risalenti all'ultimo periodo della dinastia Shang sono state trovate anche iscrizioni su recipienti di bronzo, conosciute in cinese come jīnwn. Le iscrizioni su bronzo della dinastia Shang sono generalmente molto corte, consistenti di pochi caratteri. Gli studiosi cinesi credono che il pennello (mobĭ) in questo periodo venisse gi usato; sfortunatamente, i materiali sui quali veniva impiegato il pennello erano per la maggior parte deperibili e cos a noi sono giunti solo pochissimi esempi di reale scrittura col pennello. La scrittura di iscrizione su bronzo, tuttavia, conserva uno stile modellato intimamente sulle tecniche di scrittura col pennello. La jiăgŭwn, d'altra parte, essendo incisa su vari materiali duri con un qualche tipo di attrezzo appuntito, presenta uno stile di scrittura pi angolato e lineare.

2. Periodi degli Zhou Occidentali e delle Primavere e Autunni. Quest'era vide un grande fiorire della produzione di recipienti di bronzo. Molti di questi recipienti venivano fusi con lunghe iscrizioni, arrivando in qualche caso a centinaia di caratteri. Di conseguenza jīnwn venuta ad essere considerata la scrittura rappresentativa di questo periodo. La scrittura su bronzo del primo periodo degli Zhou Occidentali parecchio simile a quella trovata sui recipienti risalenti agli Shang. Di conseguenza essa mostra una tendenza verso una pi grande regolarit accanto a un ulteriore sviluppo nella direzione di angoli pi acuti e linee pi sottili. Accanto alla scrittura su bronzo dovrebbe essere menzionato un altro tipo di scrittura, chiamata zhuwn "scrittura Zhou" (chiamata qualche volta anche dzhun "grande sigillo"). Secondo il dizionario degli Han Shuōwn jiěz sarebbe stata inventata da uno storiografo ufficiale di nome Zhu. 
Sebbene l'origine di questa scrittura sia ancora soggetta a controversie, il sapere attuale tende a identificarla come fondamentalmente la stessa della scrittura su bronzo degli Zhou Occidentali.

3. Scrittura del periodo dei Sei Regni. Questo termine (ligu wnz in cinese) usato per indicare i tipi di scrittura dei vari principati indipendenti della Cina orientale durante il periodo degli Stati Combattenti. Questa scrittura, che esistette in molte variet locali, conosciuta per mezzo di un buon numero di fonti, le pi importanti delle quali sono recipienti di bronzo e testi scritti su strisce di bamb e seta. Il Shuōwn jiěz, oltre al zhuwn conserva un'altra forma di scrittura alla quale ci si riferisce come gŭwn "scrittura antica". La sua origine diretta fu un corpus di testi pre-Qin scoperti durante la dinastia Han; questi testi furono scritti con un tipo di scrittura che fu chiaramente in uso prima della dinastia Qin. Una comparazione con vari materiali antecedenti la dinastia Qin mostra che hanno stretti legami con la scrittura della Cina orientale nel periodo degli Stati Combattenti.

4. Stile del sigillo, zhunshū. Questa scrittura viene frequentemente chiamata anche xiăozhun "piccolo sigillo" per distinguerla dalla cosiddetta dzhun "grande sigillo", altra denominazione della zhuwn nominata prima in collegamento con la scrittura su bronzo degli Zhou Ocidentali. zhunshū la variet ufficiale e pi formale di scrittura della dinastia Qin. la scrittura di base descritta nel dizionario della dinastia Han Shuōwn jiěz. Per dare un'idea dell'evoluzione della scrittura fino all'inizio della dinastia Han, si pu vedere lo sviluppo di dodici caratteri nella tabella 3. Un esempio di ogni carattere viene dato nelle forme di: Ossa oracolari Shang, Bronzi Zhou, Stati Combattenti, Sigillo e degli scribi.

Seconda parte


Frammenti d'Oriente, settembre 2004

 

CENTRORIENTE - P. IVA 07908170017 - CF PSCMRA56R30H856T

Copyright Centroriente 1999-2014