tuttocina
Google Web www.tuttocina.it

 

INDICE>FRAMMENTI D'ORIENTE>GOLFING BEIJING

Spigolature da Pechino: Golfing Beijing

La ragione per cui uno sport viene definito popolare risiede principalmente nel fatto che, per praticarlo, esso non richiede accessori sofisticati e aree di gioco rigidamente definite. Una delle ragioni per cui il calcio è talmente diffuso e amato nel mondo è proprio questa: un pallone, una strada e un pugno di amici sono sufficienti a garantire ore ed ore di divertimento spensierato e virtualmente alla portata di tutti. Proseguendo nel ragionamento, all'estremo opposto di uno sport popolare c'è quello elitario, ossia lo sport che richiede al contrario accessori sofisticati - ergo costosi - e un'area di gioco rigidamente definita. Considerate le sue raffinate caratteristiche, uno sport che può a pieno titolo essere annoverato in quest'ultima categoria è senza dubbio il golf. Per cimentarsi propriamente in questa disciplina c'è prima di tutto bisogno di un set di mazze, di uno specifico borsone che le contenga, di una serie di palline, di un campo da golf e di un adeguato conto in banca in grado di finanziarie tutto ciò.
Ebbene, di recente, passeggiando in alcune zone di Pechino sembra proprio che il golf sia diventato più popolare in questa città di quanto si possa comunemente immaginare.
Negli ultimi sei mesi una pletora di negozietti che vendono attrezzature per golfisti ha aperto le porte al pubblico. Tuttavia, quello che lascia perplessi è la scelta strategica di piazzare alcuni fra questi esercizi commerciali all'interno di altri negozi che poco hanno a che spartire col golf. Fino ad ora ne ho notati almeno due all'interno di altrettante tabaccherie, come a dire: "Mi dia un pacchetto di Shuang Xi (N.d.R.: marca di sigarette) per cortesia. E già che sono qui mi dia anche un set completo di mazze da golf e un borsone. E un cappello, e una scatola di palline, e un paio di scarpe chiodate. E un accendino. Quant'è? 6000 yuan? Ecco qua, grazie e arrivederci".
Un paio di settimane fa mi sono recato presso un fioraio in una zona centrale della città. Dopo essere entrato mi sono visto sfrecciare davanti agli occhi una barra metallica seguita da un sonoro quanto terrificante spostamento d'aria. Un signore era intento a provare il suo 'swing' dentro al negozio che, tra rose, orchidee, garofani e narcisi aveva in bella mostra un'invidiabile collezione di mazze da golf dalle marche altisonanti. Ormai di negozi di questo tipo ce ne sono in giro dozzine, alcuni fra questi situati anche in zone della città non particolarmente benestanti.
Stando alla proliferazione di tali rivendite, si potrebbe legittimamente concludere che il golf stia entrando in una fase di sviluppo e popolarità senza precedenti in questa città.
Qualche dato può aiutarci a inquadrare meglio questo fenomeno.
A Pechino e dintorni esistono attualmente 21 campi da golf, una miriade di 'driving range' (spazi dove allenarsi al tiro) e tre scuole di golf ufficialmente riconosciute. Diventare soci dell'esclusivissimo Beijing Pine Valley International Golf Club, costa 90mila Euro. Per tasche meno fornite si può divenire socio a vita del Beijing Orient Tianxing Huapu Country Club per la modica somma di 25mila € più settemila per l'iscrizione annuale. Ma anche chi non è socio di questi club più o meno esclusivi può cimentarsi sulla maggior parte dei campi a disposizione, anche se le tariffe non possono di certo definirsi popolari. Si va dai 90 € a partita del Beijing Country Golf Club ai 110 del Beijing Jingdu. Quest'ultimo si fa notare per due ragioni: l'impressionante varietà di servizi offerti (palestra, clubhouse, campi da tennis, hotel, negozi e piscina) e la singolare modalità di adesione al club. Per diventare soci bisogna infatti acquistare uno degli appartamenti situati a ridosso del campo da golf e i cui prezzi variano tra i 40 e i 60mila euro: un perfetto pied-à-terre per i patiti del golf.
Sulla base di questi esempi - comuni peraltro a molte altre metropoli cinesi - non è azzardato dire che, nella Cina urbana, la popolarità del golf stia man mano assumendo le dimensioni raggiunte in Giappone e a Taiwan.
Ma oltre all'aspetto sportivo, il golf offre anche una magnifica piattaforma relazionale per intrecciare o consolidare rapporti d'affari. Le lunghe passeggiate nel verde dei campi offrono a quanto pare la privacy e la calma ideali per discutere di finanza e investimenti. Per una schiera nutrita di uomini d'affari cinesi il golf inizia a rappresentare non solo un elemento atto a consolidare il proprio status di persona privilegiata ma anche uno strumento importante per avviare o chiudere con successo i propri affari.
"Se vado al ristorante o al karaoke coi miei clienti si finisce tutti immancabilmente sbronzi e per stare a pezzi il giorno successivo - racconta Hao Guang, un facoltoso uomo d'affari pechinese di mezza età -. Se si va a giocare a golf si respira aria fresca, si passeggia, si gioca e, dopo la partita, al massimo ci si prende una birra al clubhouse. E anche se ogni tanto perdo le staffe quando gioco male, il golf è senza dubbio un modo più civile e salutare di zuo shengyi (fare affari)".

Mauro Marescialli


Frammenti d'Oriente, dicembre 2004

 

CENTRORIENTE - P. IVA 07908170017 - CF PSCMRA56R30H856T

Copyright Centroriente 1999-2014