tuttocina
Google Web www.tuttocina.it

 

INDICE>FRAMMENTI D'ORIENTE>I TOPI DANNO IN SPOSA LA LORO FIGLIA

I TOPI DANNO IN SPOSA LA LORO FIGLIA

Conoscete il racconto I topi danno in sposa la loro figlia appartenente alla letteratura orale cinese?

È una storia molto interessante. Ve la presentiamo come “epilogo” all’articolo sul matrimonio.

Una coppia di topi aveva una figlia molto bella in età da marito. Padre e madre desideravano scegliere per lei una famiglia nobile e prestigiosa affinchè ella non dovesse più vivere in un buco tetro come il loro e non fosse, come loro, perennemente preoccupata.

Dapprima pensarono al Sole, in quanto esso può illuminare tutta la Terra ed è da lui che dipende la vita di tutti gli esseri viventi! Quando gli presentarono la loro richiesta, il Sole pudicamente rispose: ­«È impossibile, io non sono così potente come voi immaginate, poiché è sufficiente una nuvola nera per oscurarmi. È lei che è più forte di me». I topi andarono dalla Nuvola nera, la quale, dopo averli ascoltati, sospirò e, scuotendo la testa, disse: «Ma, se il vento soffia, io non posso difendermi». Allora, i due sposi si rivolsero al Vento. Questi disse loro: «Neppure io sono degno di vostra figlia. Se, mentre soffio, urto un muro, io non posso oltrepassarlo». Il Muro, interrogato, rispose loro: «Benchè io possa sbarrare la strada al vento, i topi mi scavano, fanno dei buchi, provocando così la mia caduta. Sono indegno di diventare vostro genero». Alla fine del colloquio con il Muro, i due topi compresero che dovevano scegliere per la figlia uno sposo appartenente alla loro specie. Tuttavia, tutti i loro sforzi non furono vani, in quanto ne ricacarono un’idea.

Si posero quindi la seguente domanda: che cosa faceva loro più paura? La risposta fu: il gatto. Ne dedussero, quindi, che era il gatto ad avere il maggior prestigio e ad essere il più nobile di tutti gli esseri. Essi andarono immediatamente dal Gatto per chiedergli se per caso avesse voluto accettare la mano della loro figlia. Il Gatto accettò subito con gioia. 

Al colmo della contentezza, i topi ritornarono a casa e si misero a preparare la dote della loro amata figliola.
Ben presto venne decisa la data del matrimonio.
Il giorno delle celebrazioni, tutti gli invitati erano molto felici per il grande avvenimento. Alcuni di essi suonavano degli strumenti a fiato, altri degli strumenti a percussione, altri ancora portavano delle lanterne. La giovane sposa salì sulla portantina e venne condotta in corteo alla casa del suo futuro marito. Una volta giunta questi l’accolse facendone un sol boccone!
Questa favola dimostra che non bisogna mai mirare troppo in alto.

Stampa del nuovo anno 
Il matrimonio della figlia dei topi
(Ingrandisci)

Frammenti d'Oriente, settembre 2001

 

CENTRORIENTE - P. IVA 07908170017 - CF PSCMRA56R30H856T

Copyright Centroriente 1999-2014