tuttocina
Google Web https://www.tuttocina.it

 

INDICE>ITALIA IN CINA 2006

 

ITALIA IN CINA 2006
L'anno dell'Italia, vetrina di cultura e creatività

"Ho voluto che, in occasione di questa mia visita di Stato, l'Italia si
presentasse in Cina nella sua complessità ed unitarietà di Paese moderno e competitivo.

Questa coesione renderà più efficace e produttiva l'affermazione di
ogni singola impresa, di ogni singolo settore.

Qusta tendenza positiva riceverà ulteriore impulso dalla comune decisione 
che il 2006 sia l'anno dell'Italia in Cina"

Carlo Azeglio Ciampi, Presidente della Repubblica Italiana (6/12/2004)

"Per promuovere ancora di più lo sviluppo delle relazioni bilaterali, le due 
parti si sono dette d'accordo su:

(...) Spingere la cooperazione commerciale verso una nuova fase (...)

Allargare la cooperazione nei campi della cultura, della fomazione, della
scienza e della tecnologia, della sanità, della protezione ambientale, del turismo. La
parte cinese saluta con favore l'anno dell'Italia in Cina nel 2006".

Hu Jintao, Presidente della Repubblica Popolare cinese (6/12/2004)

Il 2006 sarà l'Anno dell'Italia in Cina. Lo ha annunciato ufficialmente il Presidente 
della Repubblica Carlo Azeglio Ciampi in occasione della sua visita di Stato (4-9 dicembre 2004).

Il 6 dicembre 2004 il Ministro degli Esteri italiano on. Gianfranco Fini 
e il Ministro della Cultura cinese sig. Sun Jiazheng hanno firmato 
un memorandum d'intesa su Italia in Cina 2006, 
una rassegna che dovrà prevedere una serie di eventi 
"eminentemente, ma non soltanto, di natura culturale".

Nel memorandum vengono citati: 
arti visive (incluse architettura e design), storia, scienza e tecnologia, artigianato artistico, 
danza, teatro, musica, cinema, fotografia, moda, sport, tradizioni popolari e festival, 
seminari e simposi, festival culinari e altre manifestazioni.

È il "primo grande appuntamento che abbiamo", ha sottolineato il Presidente Ciampi, 
è il traguardo di medio termine per consolidare la credibilità del Sistema Italia.

L'anno dell'Italia in Cina sarà la vetrina della nostra creatività, una straordinaria opportunità per promuovere il made in Italy e per attrarre flussi turistici e investimenti.

Farnesina, Ministero del Beni Culturali, Ministero delle Attività Produttive, ICE, ENIT, 
Confindustria, sistema camerale, enti fieristici, aziende e consorzi privati, distretti industriali, 
banche, fondazioni, regioni, province e comuni, città gemellate e molti altri attori 
potranno offrire e vedere valorizzato il proprio contributo.

Italia in Cina 2006 dovrà proporre e armonizzare gli infiniti volti del nostro Paese, 
suscitare emozioni, fondere economia e cultura, 
proiettare l'immagine di una civiltà millenaria lanciata nel futuro.

Italia in Cina 2006 dovrà dimostrare che la tecnologia di oggi è frutto di una storia antica, 
che tra Leonardo da Vinci e la Ferrari cìè un lungo cammino d'ingegno e passione, 
che il made in Italy non è solo un marchio d'origine, 
ma è un'arte di fare, che viene da lontano

Gabriele Menegatti
Ambasciatore d'Italia in Cina

Consulta il sito dell'"ANNO DELL'ITALIA IN CINA": www.yidalinian.org 

 

CENTRORIENTE - P. IVA 07908170017
Copyright Centroriente 1999-2018