tuttocina
Google Web https://www.tuttocina.it

 

INDICE>EDITORIA>IL PENNELLO DI LACCA

IL PENNELLO DI LACCA
La narrativa cinese dalla dinastia Ming ai giorni nostri

PENNLACC.jpg (25236 byte)

Autori Mario Sabattini e Paolo Santangelo
Editore Laterza, Bari
Prima edizione 1997
Pagine 380

Per la prima volta il quadro complessivo e del tutto esauriente della narrative cinese dagli inizi della dinastia Ming (XIV sec.) ai giorni nostri, con 1'illustrazione puntuale a dettagliata, anche grazie a una sezione antologica, delle opere più significative apparse in Cina nell'arco di sette secoli. Nessuno dei testi presentati è mai apparso precedentemente in versione italiana e alcuni non sono mai stai tradotti in altre lingue occidentali.
Nell'ambito della storia letteraria cinese, la narrativa occupa un posto primario, con proprie caratteristiche specifiche. Soprattutto a partire dalla dinastia Ming (1368-1644) essa ha conosciuto uno sviluppo a una diffusione di grande rilievo, in connessione con 1'emergere di nuovi ceti sociali e con l'estendersi del processo di urbanizzazione. Successivamente ha attraversato momenti di alterna fortuna nel suo rapporto con la società a con il potere. Pressoché ignorata - e talvolta persino oggetto di censure a di persecuzione - da parte dei burocrati, la narrativa dei periodi Ming e Qing (1644-1911) divenne un punto di riferimento importante per i protagonisti della cosiddetta «rivoluzione letteraria», iniziata nel 1917. Da allora, la narrativa cinese ha percorso strade diverse e talvolta contrastanti, collegandosi a volte al romanticismo inglese e tedesco o prendendo più spesso a modello il realismo russo e il naturalismo francese. Dopo la fondazione della repubblica popolare (1949), la letteratura venne intesa principalmente come uno strumento di propaganda al servizio della rivoluzione. I maggiori autori del periodo precedente cessarono quasi completamente di produrre opere originali, mentre emerse progressivamente una nuova generazione di scrittori che cercò di sfuggire al controllo burocratico per seguire un proprio percorso creativo. Negli anni Ottanta a Novanta, sotto la spinta delle trasformazioni politiche ed economiche promosse da Deng Xiaoping, hanno avuto modo di svilupparsi originali fermenti letterari, e si è aperta una fase del tutto nuova in campo narrativo, che appare a tutt'oggi in piena evoluzione.

Mario Sabattini (Roma, 1944) è professore ordinario di Lingua a letteratura cinese e Preside della facoltà di Lingue e letterature straniere presso l’Università Ca' Foscari di Venezia. È autore di numerose pubblicazioni, tra cui I movimenti politici della Cina (Roma 1972) a The Aesthetic Thought of Zu Guangjian (1984). Per la Laterza ha pubblicato con P. Santangelo Storia della Cina (1986).

Paolo Santangelo, professore di storia della Cina preso l’Istituto Universitario Orientale di Napoli, è responsabile della rivista di storia e cultura cinese "Ming Qing yanjiu" ed è autore di numerose pubblicazioni, fra cui Confucio e le scuole confuciane. La via della saggezza (1986), Il "peccato" in Cina (1991), Emozioni e desideri in Cina (1992), Il meraviglioso discorso della fanciulla pura (1993), Gelosia nella Cina imperiale (1996). Ha pubblicato, assieme a Mario Sabattini Storia della Cina (1986) e Il pennello di lacca. La narrativa cinese dalla dinastia Ming ai giorni nostri (1997). Per Marsilio ha curato la traduzione di Dong Yue, Il sogno dello scimmiotto (1992).

 

CENTRORIENTE - P. IVA 07908170017
Copyright Centroriente 1999-2018